available texts on this page

 

 

 

The Green Micro Nation

+ UPWARD exibition

by Studio Sergio Bianchi Architettura

Liberland Design Competition:  www.facebook.com/DesignLiberland

website:  www.studiobianchiarchitettura.com

year 2016 - all rights reserved © Studio Sergio Bianchi Architettura

( click above the images to enlarge )

 

Mostra "UPWARD"

Mostra "UPWARD" dello Studio Bianchi Architettura alla Galleria Interno 14, Via Carlo Alberto, 63 (Piazza Vittorio), Roma. Dal 30/09/2016 al 05/10/2016.

     La mostra sintetizza l’attività di ricerca dello studio di Sergio Bianchi, con particolare riferimento al tema dell’abitare il pianeta.

La società occidentale, nel processo di realizzazione del proprio habitat procede per negazione del “naturale”. La prassi è la cementificazione…eliminare la natura “selvaggia”, sovrapponendo al suolo un rassicurante ambiente pavimentato, liscio, levigato, dove lo spazio per le altre speci, animali o vegetali che siano è lasciato ai “giardini”.

Tornano alla mente  le parole di  Black Elk, il saggio Lakota, “Only to the white man was nature a wilderness and only to him was the land 'infested' with 'wild' animals and 'savage' people. To us it was tame, Earth was bountiful and we were surrounded with the blessings of the Great Mystery.”

Per la loro cultura non esisteva la dicotomia naturale, artificiale, non esisteva la natura selvaggia. La terra, nel grande mistero della vita, offriva meravigliose opportunità.

Credo che dovremmo sforzarci di recuperare quell’ottimismo, di recuperare quel senso di appartenenza al ciclo della vita rinunciando alla nostra stanca visione antropocentrica.

 

Come fare? Come trovare un posto per l’uomo lasciando spazio alle altre specie?

La risposta, forse ingenua e parziale, è verso l’alto. Guadagnare il cielo, oltre a spostare e arricchire la relazione uomo/natura, offre la possibilità immensa di restituire parte del suolo agli “altri” che condividono il pianeta con la nostra specie.

Edward Wilson, l’entomologo vincitore del premio Pulitzer, nel suo recente Half Earth, propone di riservare al “naturale” la metà della superficie del pianeta. Ma anche noi specie umana siamo parte del “naturale”, per cui la nostra ricerca si muove verso l’integrare il nostro habitat a quel 50% della superficie del pianeta.

Ancora una volta vengono in aiuto le parole di un nativo americano, Chief Seattle,  Humankind has not woven the web of life. We are but one thread within it. Whatever we do to the web, we do to ourselves. All things are bound together. All things connect.

 

Chiudo con un pensiero di Luigi Pellegrin, che più di tutto innerva e sintetizza questa ricerca: ”La terra è una radice immensa che può permettere l’esplosione nello spazio di una organizzazione sociale che a terra ormai è pigra, ed è un rapporto diverso, una variazione in aumento di ingombro nello spazio e un aumento di libertà nella superficie terrestre”.

 

     Sergio Bianchi

The Green Micro Nation by Studio Sergio [...]
Documento Adobe Acrobat [2.2 MB]

Designer names are

Sergio Bianchi architect and urban designer - team leader
Simone Fracasso architect and urban designer
Franco Monti agronomist - aeroponics and food selfsufficiency
Simone Russo architect - 3d modeler
Enzo Alleva engineer - energy and sustainability
Angelo Corridoni engineer - structures and safety
Gianluca Sbrollini land surveyor - analysis and mappings

 

Company name is

Studio Sergio Bianchi Architettura, Italy
 

The Green Micro Nation 1 - preview
The Green Micro Nation 1 - in HD
Liberland Design Competition - 01.jpg
Immagine JPG [2.2 MB]
The Green Micro Nation 2 - preview
The Green Micro Nation 2 - in HD
Liberland Design Competition - 02.jpg
Immagine JPG [1.7 MB]
The Green Micro Nation 3 - preview
The Green Micro Nation 3 - in HD
Liberland Design Competition - 03.jpg
Immagine JPG [1.4 MB]

year 2016 © text edited by Studio Sergio Bianchi Architettura

 

STUDIO BIANCHI ARCHITETTURA

Hello Dave !

I was born on May 18th, 2012

  I   a m   t h i n k i n g   . . . . . . . .

  of

 

 

 

 

 

       l i n k s   o f    t h e   d a y :